Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

La Protetsanon violenta

Matteo Berna 5H

Martin Luther King Jr

Nelson Mandela

Mahatma Gandhi

Lech Wałȩsa

Martin Luther King Jr

Unanimemente riconosciuto «apostolo instancabile della resistenza non violenta», «eroe e paladino dei reietti e degli emarginati», «redentore dalla faccia nera», Martin Luther King si è sempre esposto in prima linea affinché fosse abbattuto nella realtà americana degli anni cinquanta e sessanta ogni sorta di pregiudizio etnico. Ha predicato l'ottimismo creativo dell'amore e della resistenza non violenta.

Mandela e i suoi compagni dell’ANC (African National Congress) utilizzarono tattiche non violente e dimostrazioni per protestare contro l’apartheid. Nel 1952 Mandela favorì l’intensificazione della lotta guidando la Defiance Campaign (una campagna di sfida contro le leggi ingiuste), che incoraggiava i neri partecipanti a violare attivamente le leggi. Oltre 8.000 persone, tra cui Mandela stesso, furono incarcerate per aver violato i coprifuoco, essersi rifiutati di portare i documenti d’identità e altri reati.

Nelson Mandela

Mahatma Gandhi

Nel 1914, Gandhi invita i suoi seguaci e connazionali a sfidare le diverse leggi razziali in atto e ad essere pronti a subire le punizioni previste, senza ricorrere alla violenza. Inizia uno sfrenato boicottaggio verso l’Impero britannico che continuava a manifestare il proprio dominio e a sottomettere gli indiani. Migliaia di indiani, nella lotta che porterà avanti per sette anni, vengono imprigionati e frustati; molti di essi vengono addirittura uccisi. In seguito la metodologia di lotta utilizzata in quella occasione venne chiamata con un nuovo vocabolo coniato tramite un concorso su Indian opinion: “satyagraha”, che indica la disobbedienza civile.

Gli ideali e gli intenti di Gandhi: la disobbedienza civile, sì, ma senza mai ricorrere alla violenza.

Wałȩsa si dimostrò un abile mediatore e un convinto sostenitore della necessità di evitare lo scontro diretto col potere.Nel 1989, fu eletto come presidente del governo in Polonia.La quale riconquistò grazie Wałȩsa a la libertà, l’indipendenza dall’Unione sovietica, la democrazia e le libertà sindacali, inaugurando e innescando un processo di liberalizzazione che in breve tempo coinvolse tutti gli altri paesi comunisti, e la stessa Urss.Viene ricordato a lui il grande merito di aver mutato coraggiosamente e radicalmente la storia dei loro Paesi e del mondo.

Lech Wałȩsa