Want to make creations as awesome as this one?

More creations to inspire you

NORMANDY 1944

Horizontal infographics

LIZZO

Horizontal infographics

BEYONCÉ

Horizontal infographics

ONE MINUTE ON THE INTERNET

Horizontal infographics

SITTING BULL

Horizontal infographics

RUGBY WORLD CUP 2019

Horizontal infographics

Transcript

E-COMMERCE

Tipologie

  • Business-to-business
  • Business-to-consumer
  • Consumer-to-consumer
  • Business-to-governement

I tipi di negozi online

  • E-shop
  • E-store
  • E-auction
  • E-banking ed e-trading

I vantaggi del commercio elettronico

I rischi del commercio elettronico

Per le aziende:

  • Visibilità mondiale
  • Aumento della concorrenzialità
  • Fidelizzazione del cliente
  • Approvvigionamento veloce

Per il consumatore:

  • Ampia gamma di prodotti
  • Maggiore accessibilità ai prodotti
  • Servizi e prodotti personalizzati
  • Rapidità della risposta alle richieste

Per le aziende:

  • Coinvolgimento della clientela
  • Garanzia delle transazioni
  • Sicurezza dei pagamenti
  • Non ripudio delle transazioni

Per il consumatore:

  • controllo affidabilità del sito
  • Scelta di password ottimali
  • Protezione del proprio computer

I vantaggi dell'e-comerce dipendono dal tipo di contraente che si prende in analisi.

Anche quando si parla di rischi bisogna considerare le differenze tra i contraenti.

Tipologie di e-commerce:

  • Business-to-business: una forma di transazione tra aziende commerciali che coinvolge quantità limitate di prodottidi valore elevato, infatti prevede pagamenti offline;
  • Business-to-consumer: la forma classica di commercio elettronico, che si realizza attraverso un negozio virtuale;
  • Consumer-to-consumer: una forma di transazione tra consumatori e solitamente si svolge tramite siti di aste online (e-auction);
  • Business-to-government: uan forma di commercio che ha per protagonisti la Pubblica Amministrazione e le aziende private.

I tipi di negozi online

Le tipologie di negozi virtuali si possono classificare come:

  • e-shop, negozi tradizionali che offrono la loro gamma di prodotti e servizi in rete;
  • e-store, supermercati o ipermercati che operano online.;
  • e-auction, siti di aste online che realizzano il C2C. Normalmente questi siti richiedono l'iscrizione agli utenti che vogliono accedervi per eseguire transazioni;
  • e-banking ed e-trading, siti che offrono servizi finanziari online.

Per le aziende:

  • Visibilità mondiale: la presenza in Internet permette all'azienda di pubblicizzare se stessa e i suoi prodotti in ogni angolo del pianeta;
  • Aumento della concorrenzialità: il mercato geograficamente allargato aumenta la possibilità di competere con aziende operanti nello stesso settore, ma richiede l'offerta di una gamma di prodotti di qualità e prezzo competitivi;

  • Fidelizzazione del cliente: le moderne tecnologie della comunicazione consentono di instaurare rapporti sempre più stretti e personalizzati con i clienti, progettando offerte, promozioni e servizi aggiuntivi che li inducano a sceglierla;
  • Approvvigionamento veloce: quando si parla di B2B i tempi di fornitura si riducono, in quanto i contatti con fornitori nazionali e internazionali si sviluppano in tempi brevi.

Per il consumatore:

  • Ampia gamma di prodotti: l'offerta online ha dimensioni mondiali, allaegando la portata geografica dei negozi nei quali trovare i prodotti cercati;
  • Maggiore accessibilità ai prodotti: il negozio online rimane aperto 24 ore al giorno, pertanto il consumatore può ricercare gli articoli che desidera in ogni momento della giornata e può effetturare l'ordine da casa propria;

  • Servizi e prodotti personalizzati: il consumatore può chiedere e cercare quello di cui necessita con caratteristiche personalizzate;
  • Rapidità della risposta alle richieste: la comunicazione tramite i servizi online permette agli acquirenti di comunicare e ricevere risposte in tempi più veloci e meno costosi dei mezzi di comunicazione tradizionali.

Per le aziende:

  • Il coinvolgimento della clientela è fondamentale, quindi se le aziende non riescono a cogliere le abitudini dei consumatori, l'impatto economico può essere negativo;
  • La garanzia delle transazioni, per quanto riguarda i prodotti e la risoluzione delle controversie: l'azienda deve proporre contratti online che diano al cliente la sicurezza che non si perda il denaro investito nell'acquisto;
  • il problema della sicurezza nei pagamenti è infine il rischio più importante da affrontare. L'azienda deve garantire un buon sistema di crittografia per l'autenticazione dei clienti e gestire i pagamenti. In particolare, deve tutelarsi dal non ripudio della transazione da parte dell'acquirente, per evitare il quale si può utilizzare il sistema della firma digitale, che sicuramente rappresenta una garanzia.

Per il consumatore:

Il consumatore è esposto a rischi che vanno oltre la semplice perdita economica equivalente al valore dell'oggetto acquistato.È necessario verificare attentamente la credibilità del sito con il quale si pensa di operare una transazione e dotarsi dei necessari strumenti di sicurezza informatica, utilizzando un firewall, scegliendo password non banali e facilmente rintracciabili e modificandole spesso.

Il commercio elettronico è l'insieme delle transazioni di beni e servizi realizzate tramite la rete Internet, caratterizzate dalla mancanza di contatto fisico tra i contraenti.