Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

presentation

jazz

Cesare Pavese

Italiano

Kandinskij

Arte

Vincent Courtois

Francese

Louis Armstrong

Inglese

America

Geografia

I vari tipi di jazz

Musica

Come deriva la colorazione della pelle

Scienze

Le origini del jazz

Storia

IL JAZZ

LE ORIGINI DEL JAZZ

La storia del jazz, al pari della storia di molti altri generi musicali popolari, e soprattutto di quelli che affondano le radici nella tradizione degli schiavi afroamericani, è quanto mai povera di documenti e di riferimenti, per quanto attiene alle origini e ai primordi, vista la mancanza di fonti scritte. Le prime fonti orali sulla nascita del jazz a New Orleans risalgono ai primi anni del XX secolo, mentre quelle scritte si attestano al decennio successivo. Anche se, i generi musicali preesistenti, che ne determinarono la nascita, sono svariati e difficilmente classificabili con precisione, per cui, convenzionalmente si fa risalire la nascita del jazz ai canti di lavoro degli africani schiavizzati e deportati negli Stati Uniti.

Il colore della pelle umana può variare da quasi nero a tonalità molto pallide di rosa. Questa variabilità è dovuta alla diversa quantità di pigmentazione nelle cellule della pelle, influenzata sia da fattori genetici che dall'esposizione alla luce del sole. Il pigmento più importante nel colore della pelle è la melanina, maggiore è il livello di melanina, più scuro sarà il colore della pelle di un individuo, mentre in carenza di melanina, il colore chiaro del tessuto connettivale presente nel derma sarà più visibile, creando una tonalità più rosa della pelle. A livello culturale, il colore della pelle è spesso stato utilizzato per discernere le diverse etnie. Alcuni credono che il diverso pigmento di pelle sia indice di inferiorità. Infatti, nel corso della storia si sono verificate molte ingiustizie che ce lo dimostrano, per esempio la schiavitù negli Stati Uniti d'America o la tratta atlantica degli schiavi africani del XVI secolo. Non solo, ciò è anche motivo di bullismo, sia negli ambienti scolastici che nella vita quotidiana al di fuori della scuola.

Un altro tipo di jazz allegro è lo swing un tipo di jazz dove le persone possono scatenarsi e divertirsi ascoltando musica jazz.Il maggiore artista jazz dello swing è Benny Goodman

il rag time è un tipo di jazz molto più allegro e i brani vengo principalmente con il pianoforte,il maggiore artista jazz del rag time è Scott Joplin

il blues è uno frai i tipi di jazz dove l’artista jazz riesce a parlare con la chitarra , infatti lo sturmento più usato per la musica blues è la chitarra eletricca e uno dei più famosi artisti jazz blues è B.B. King

i work song o plantation song sono i primi tipi di jazz infatti questo tipo di musica jazz veniva usato dagli schiavi per comunicare fra loro,per darsi un ritmo mentre lavorano e per avvisare agli americani dove si trovavano

  • WORK SONG
  • SWING
  • RAG TIME
  • BLUES

i vari tipi di jazz

Questa bellissima città si specchia nel fiume Hudson dal 1624 anno in cui vi approdarono gli olandesi per costruirvi un avamposto militare che proteggesse la zona costiera e che inizialmente si chiamava Fort Orange. Nel 1664 quando era già un territorio molto più esteso se ne impossessarono gli inglesi e fu chiamata Albany che in celtico significa Scozia, . Durante il settecento questa città fu teatro di una vera e propria evoluzione nei campi commerciali e culturali e sul finire di quel secolo fu dichiarata definitivamente capitale degli stati uniti. Da allora l’espansione s’interruppe perciò non possiede effettivamente un terreno molto esteso ma questa sua posizione centrale nei pressi del fiume ha favorito il suo sviluppo commerciale ed industriale ed ecco perchè Albany è la capitale dello stato di New York Trovandoci dunque a visitare la capitale newyorkese dobbiamo tener conto che sono principalmente i college a renderla famosa.

in America nel XX secolo iniziarono a spopolare le più grandi band e i più grandi artisti jazz,infatti il jazz si concentra molto a New Orleans e a Chicago.Come artisti famosi abbiamo B.B. King,Louis Armstrong,Ray Charles,Scott Joplin ecc..Volevo parlarvi di un logo dove è nato il mio artista jazz preferito cioè Ray Charles un artista jazz nato con danni al nervo ottico infatti era cieco.Charles nacque in America precisamente a Albany

AMERICA

Despite having a difficult childhood, Armstrong did not consider those years as negative and indeed\ drew inspiration from them; in an interview he declared: "Every time I close my eyes to blow my trumpet, I look into the heart of good old New Orleans... He gave me something to live for".

LOUIS ARMSTRONG

Louis Armstrong was an important jazz artist,he became a jazz artist when he was in prison.He was arrested because he shot with a pistol on New Year's Eve.While he was in prison he learned to play a small trumpet.When he was exonerated he played music in the town for example:What a Wonderful World,Check to Check le vien en rose.He also took part in Sanremo in 1968.

Negli strumenti a fiato il suono viene prodotto da vibrazioni d’aria contenute nel tubo sonoro.Queste vibrazioni vengono prodotte da chi suona lo strumento, gli strumenti si possono classificare in base al meccanismo non solo da quanta aria si immette ma dal materiale di cui è composto lo strumento,i materiali più usati sono legno,plastica e ottone.Ci sono diversi tipi di strumenti a fiato per esempio:a imboccatura diretta quindi quando la persona immette aria nello strumento l’aria arriva direttamente nel tubo sonoro.Poi ci sono gli strumenti a imboccatura a becco che sono molto simili a quelli a imboccatura diretta solo che quando si immette aria nello strumento lo strumento deve rompere una colonna d'aria che poi arriva nel tubo sonoro.Come ultimo tipo di strumento abbiamo gli strumenti ad ancia semplice,questi strumenti l'imminente deve soffiare su una linguetta chiamata ancia dove è collegata ad un supporto chiamato bocchino il resto del meccanismo e uguale agli altri.

FUNZIONAMENTO DEI STRUMENTI A FIATO

Vincent Courtois découvre le jazz et l'improvisation avec Jean-Charles Capon et Dominique Pifarély. En 1988, il joue ses premiers concerts au sein de l'Octet de Christian Escoudé puis rejoint le Swing String System de Didier Levallet. C'est à cette époque qu'il forme son premier quartet avec lequel il enregistre deux disques Cello News et Pleine Lune.

Vincent Courtois commence le violoncelle classique à 6 ans au conservatoire d'Aubervilliers où il obtient ensuite un premier prix de violoncelle et de musique de chambre. Il étudie par la suite avec Roland Pidoux et Frédéric Lodéon et obtient en 1987 le diplôme supérieur d'exécution de l'École normale de Paris.

Vincent Courtois est un violoncelliste et compositeur de jazz français. Il est également compositeur de musiques originales pour le cinéma et la télévision.

VINCENT COURTOIS

Vasilij Kandinskij è un artista che fa parte dell' Astrattismo un'avanguardia russa creatasi nel 900,Astrattismo è stata la più rivoluzionaria perche le altre introducevano solo delle novità basandosi sulla realtà da disegnare.Invece l'Astrattismo è un'arte non figurata dove è basata sulle sensazion,i dei colori suscitate dall'osservatore.Ma ritornando su Kandinskij nelle sue opere lui vuole suscitare un emozione all'osservatore come quando ascoltano della musica.Nelle opere Kandinskij nei titoli fa riferimenti al mondo della musica come per esempio in Composizione VII.

Kandiskij e l'astrattismo

VASILIJ KANDINSKIJ

In Composizione VIII di Kandinsky ogni linea ha un significato psicologico. Le linee triangolari rappresentano tensione, quelle orizzontali rappresentano un sentimento di calma, quelle circolari rappresentano movimento, e così via. Qualsiasi riferimento alla realtà è assente in Composizione VIII e sono i colori i veri protagonisti. Questa è l’opera chiave per comprendere l’arte di Kandinsky e anche l’astrattismo: non è possibile alcun tipo di collegamento logico con ciò che ci circonda, quindi lo spettatore può una visione del quadro del tutto propria e individuale.

Composizione VIII, Kandinsky realizza nel 1923 e rispecchia il metodo di insegnamento dell’artista, che abituava gli allievi a far interagire alcune figure geometriche di base, come il cerchio, il quadrato e il rettangolo, con i colori primari. Kandinsky usa il bianco per lo sfondo e descrive i rapporti di forza e di movimento che si stabiliscono tra figure geometriche elementari e i colori puri. In questo modo punti, linee, curve, scacchiere,angoli, triangoli, reticoli, cerchi e semicerchi riportano la creazione artistica alla sua essenza geometrica. La combinazione delle forme geometriche e la loro combinazioni con i colori era stata studiata da Kandinsky nel 1911, all’epoca della pubblicazione del suo libro “Spirituale nell’arte”

Info

Nel 1922 Kandinsky viene chiamato al Bauhaus di Weimar per insegnare teoria della forma e poi pittura nel laboratorio murale del celebre istituto fondato da Walter Gropius nel 1919.Infatti nel quadro

COMPOSIZIONE VII

Ovviamente, non tutti i ‘grandi pensatori' italiani del tempo si rivolsero al Jazz con lo stesso entusiasmo; ad esempio, gli concesse solamente una marginale attenzione. Probabilmente i più ‘inebriati' dalla musica Jazz furono proprio lo stesso Pavese, Massimo Mila e Mario Soldati. E proprio grazie a Mila, Pavese riuscì a conoscere Antonio Chiuminatto, un giovane musicista insegnante di violino al Conservatorio di Chicago, con il quale instaurò una solida amicizia e approfondì la sua conoscenza musicale.

E LA PASSIONE PER IL JAZZ

Pavese si dimostrò così interessato nei confronti della cultura americana e così favorevole alla sua diffusione, da dedicarsi con sincera passione fino alla metà degli anni trenta, alla traduzione delle opere degli scrittori statunitensi contemporanei e a dar vita a saggi critici, trasformando il mito americano in una vera e propria ‘fede letteraria ed ideologica'. Oltre a ciò non dimentichiamo che egli fu anche un grande appassionato di Jazz, altra forma culturale, o meglio musicale, tipicamente americana che riuscì ad avvicinare artisti e intellettuali molto diversi tra loro, sia per mentalità che per ideali politici.

CESARE PAVESE

THE END

THANK YOU!!