Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

Next

Mussolini e il Fascismo

Gruppo: Nadia, Mirko, Viola, Mirella, Mikaela e Andy.

Fondatore del fascismo, fu presidente del Consiglio del Regno d'Italia dal 31 ottobre 1922 al 25 luglio 1943. Nel gennaio 1925 assunse poteri dittatoriali, instaurando un regime totalitario, e dal dicembre dello stesso anno acquisì il titolo di capo del governo primo ministro segretario di Stato.

L'ascesa al potere di Mussolini

Le leggi razziali fasciste furono un insieme di provvedimenti legislativi e amministrativi applicati in Italia fra il 1938 e il primo lustro degli anni quaranta, inizialmente dal regime fascista e poi dalla Repubblica Sociale Italiana, rivolti prevalentemente contro le persone ebree. Il loro contenuto fu annunciato per la prima volta il 18 settembre 1938 a Trieste dal dittatore Benito Mussolini, da un palco posto davanti al Municipio in Piazza Unità d'Italia, in occasione di una sua visita alla città.

La locuzione leggi fascistissime, o leggi eccezionali del fascismo, identifica una serie di atti normativi, emanati tra il 1925 e il 1926, che iniziarono la trasformazione dell'ordinamento giuridico del Regno d'Italia nel regime fascista.

leggi fascistissime e leggi razziali.

Mussolini voleva che lo stato guidasse l'economia; il governo fissò alcuni obbiettivi, primo fra i quali l'autosufficenza italiana. Questo significa che l'agricultura e l'industrie italiane dovevano produrre tutto ciò che serviva ai cittadini, in modo che l'Italia non avesse più bisogno di importare merci da altri paesi.Il governo, inoltre difendeva le industrie Italiane con il protezionismo e avviò opere pubbliche che permettevano di diminuire la disoccupazione.

Gli obbiettivi economici di Mussolini

La dittatura di Mussolini in Italia, nota come il regime fascista, si caratterizzava per il controllo autoritario del governo, la soppressione delle libertà civili, la censura dei media, l'uso della propaganda per promuovere l'ideologia fascista, la centralizzazione del potere nelle mani del leader (Mussolini), e l'accentramento del controllo politico ed economico sotto il Partito Nazionale Fascista. La dittatura si basava sull'ideologia nazionalista, militarista e totalitaria del fascismo.

La dittatura di Mussolini Italiana

Mussolini, nel 1935, cominciò ad avere ambizioni imperialistiche e volle conquistare l'Etiopia per riprendersi economicamente col paese, e nel 1936 completò la conquista del Corno d'Africa, con l'Eritrea e la Somalia.Il negus sovrano dell'Etiopia denunciò l'accaduto alla Società delle Nazioni, che colpì l'Italia con pesanti sanzioni economiche.

Conquiste extra-europee

Propaganda e società fascista

Parte della forza fascista venne da quel che oggi chiamiamo 'propaganda', cioè comunicare attraverso mezzi di comunicazione di massa (come radio, cinema e giornali). Attraverso queste Mussolini cercò di allontanare la massa oppositrice e allo stesso tempo coinvolgerla a credere nel fascismo. Per far questo, il fascismo mirò alla scuola, con la riforma Gentile, portando l'obbligo a 14 anni ,includendo religione e diramazioni scolastiche e facendo una scuola apposta per le donne, che nel fascismo vennero sempre più indirizzate al lavoro e all'accudimento.

FINE!

GRAZIE PER L'ASCOLTO!

Rainiest

RH

Best month