Want to make creations as awesome as this one?

More creations to inspire you

SUNITA NARAN

Interactive Image

BOARDS BOOK SERIES

Interactive Image

TRAIN

Interactive Image

DESMOND TUTU

Interactive Image

CRAIG HODGES

Interactive Image

CLC MALL MAP

Interactive Image

Transcript

L'ECONOMIA FASCISTA

L'ITALIA DEL DOPOGUERRA

LA NASCITA DEL FASCISMO

LAVORO A CURA DI VALERIA PERLANGELI

l'italia fascista

MUSSOLINI AL POTERE E LA DITTATURA AFSCISTA

Dal 1925 il fascismo comincia a intervenire nell'economia per diminuire le importazioni dall'estero con iniziative chiamate "battaglie". Con la battaglia del grano viene aumentata la produzione di cereali e con la battaglia della lira, viene rafforzato il valore della moneta italiana. Entrambe le campagne hanno effetti negativi sulla coltivazione di prodotti più vantaggiosi e sulle esportazioni. Dopo la crisi del 1929 lo Stato interviene ancora di più nell'economia e, attraverso l'Istituto per la ricostruzione industriale (IRI), controlla le banche e molti settori dell'industria. Dopo dieci anni di regime fascista l'Italia è ancora un Paese arretrato e povero.

I fascisti organizzano la Marcia su Roma e, per paura di una guerra civile, il re chiama Mussolini a formare un governo. Diventato presidente del Consiglio, Mussolini fa approvare una legge elettorale favorevole al fascismo e vince le elezioni nel 1924. Tuttavia Matteotti, un deputato socialista, denuncia delle irregolarità nel voto attraverso un discorso, ma successivamente viene rapito e ucciso nel giugno 1924 dagli squadristi (coloro che facevano parte delle azioni fasciste). Il governo fascista rischia di indebolirsi. Le opposizioni si ritirano dal Parlamento, ma il re non interviene e Mussolini esce dalla crisi ancora più forte. Mussolini è pronto a creare una dittatura: tra il 1925 e il 1926 fa approvare una serie di leggi chiamate leggi fascistissime (una serie di norme che trasformano il Regno d'Italia in un Regno fascista) e aumenta il potere del governo rispetto al Parlamento. Molti antifascisti vengono uccisi, altri vanno in esilio oppure in clandestinità. Restano autonomi solo il re, che però sostiene Mussolini, e la Chiesa cattolica, che ottiene i Patti Lateranensi (accordi sottoscritti tra il Regno d'Italia e la Santa Sede l'11 febbraio 1929) . Mussolini si serve della propaganda per convincere gli Italiani che il suo governo è giusto ed efficiente. Inoltre, decide di educare gli Italiani fin dall'infanzia attraverso l'Opera Nazionale Balilla.

Imprenditori, proprietari terrieri e piccola borghesia hanno paura di socialisti e comunisti perché temono che vogliano fare una rivoluzione come in Russia. Nascono quindi i movimenti nazionalisti contro socialisti e comunisti. Ne fanno parte soprattutto ex combattenti del ceto medio, che dopo la guerra si ritrova più povero e prova rabbia per gli aumenti salariali concessi a operai e braccianti. Tra i movimenti nazionalisti c'è il fascismo, fondato nel 1919 da Benito Mussolini. I fascisti organizzano squadre che compiono violente spedizioni (chiamate fasci di combattimento) contro socialisti, sindacati e cooperative nelle campagne del Nord Italia. In questo modo guadagnano consensi, anche perché le autorità non li ostacolano. Per le elezioni del 1921 i fascisti si alleano con i liberali di Giolitti, che spera di recuperare la maggioranza e di costituzionalizzare il movimento di Mussolini per imporgli il rispetto delle leggi. Alla fine Giolitti non ottiene nessuno dei due risultati, ma i fascisti entrano con 35 deputati in Parlamento.

Dopo la Prima guerra mondiale, l'Italia deve affrontare una grave crisi economica, causata dal problema della disoccupazione, dell'inflazione e del debito pubblico. Molti Italiani sono insoddisfatti dei Trattati di pace perché l'Italia ottiene solo le "terre irredente",(territori italiani rimasti all'Austria), Trento e Trieste ma non la Dalmazia. Perciò D'Annunzio occupa con alcune migliaia di uomini armati la città di Fiume, in Istria. Negli stessi mesi in tutto il Paese operai e contadini scioperano e occupano fabbriche e latifondi. A causa del gran numero di proteste gli anni 1919 e 1920 sono detti Biennio rosso. Nelle elezioni politiche del giugno 1920 i liberali perdono, ma il governo di Giolitti risolve i problemi più gravi: con il Trattato di Rapallo ottiene la città di Zara e mette fine all'occupazione di Fiume; con l'accordo con i sindacati ottiene la fine degli scioperi.